Fai da te il trompe l’oeil – parte I

0
22
trompe

In italiano letterale vuol dire “inganno dell’occhio”. Il trompe l’oeil è quindi una decorazione pittorica che viene fatta in modo tale da ingannare chi guarda anche solo per pochi secondi.

trompe l’oeil parte

È una riproduzione che per un attimo sembra reale perché imita qualcosa, può essere del marmo, oppure una parete in legno, una finestra, o un paesaggio.

Per fare in modo che questo disegno sembri reale è importantissimo dargli una visione prospettica, una tridimensionalità che lo faccia sembrare quanto mai vero.

Deve essere una vera e propria illusione visiva. I primi trompe l’oeil risalgono ai tempi dei romani e degli antichi greci.

 

A Pompei era possibile ammirarne di stupendi, alcuni di questi hanno colori delicatissimi e rappresentavano paesaggi, di modo che chi stava all’interno aveva l’idea che ci fossero finestre attraverso le quali guardare il paesaggio esterno.

 

Poi furono copiati moltissimo nel Medioevo, ma solamente grazie alle tecniche prospettiche del Rinascimento ebbero diffusione.

La massima diffusione la ebbero nel 1600, ci decoravano scalinate, androni, pareti di case illustri firmate da grandi maestri dell’epoca.

 

Per la maggior parte dipingevano paesaggi neoclassici, ma perlopiù realizzavano soggetti che ben si inserivano nell’ambiente ove venivano disegnati.

 

In questo tipo di decorazione bisogna dedicare molto tempo alla progettazione del lavoro e alla preparazione accurata della parete con gli sfondi adatti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here